Blog

visualizza:  completo / riassunto

2018 L' onda del cambiamento

Pubblicato il 01 gennaio 2018 alle 13.55 Comments commenti (0)

2018: Levessen der (parola ungherese che significa decollare)

L' altra mattina, parlando con una piccola (solo all anagrafe) ma grande anima starseed è venuta fuori questa parola, che le è giunta di notte. Credo che rafffiguri molto bene il potenziale del 2018

TALGIARE I RAMI SECCHI, VINCERE LE DIPENDENZE E LA PAURA, E CREARE COL CUORE!!!

Da settimane la mia famiglia stellare ha cominciato a parlarmi del potenziale del 2018; l' anno entrante può essere davvero un anno di svolta epocale una sorta di generazione di luce e cambiamento nell' unico modo possibile. non servono lamentele non serve guardare a ciò che non funziona non serve restare ancorati a situazioni che ci limitano e non ci fanno esprimere per come possiamo e soprattutto che non ci fanno sentire dannatamente felici.

per poter cambiare il mondo che ci circonda e cambiare noi stessi è indispensabile:

tagliare i rami secchi e tutte quelle situazioni che ci limitano che non ci fanno stare bene che ci abbassano o bloccano le vibrazioni

L' altro importante scoglio da superare per poter cavalcare le energie dell anno entrante sono le dipendenze. dipendenze da situazioni che ci indeboliscono o imbrigliano o limitano, dipendenze emotive da altre persone sia attivamente sia passivamente . quando permettiamo ad altri di mostrarci che la loro felicità dipende unicamente dalla nostra presenza nella loro vita e/o permettiamo a noi stessi di credere o sentire che la nostra felicità dipende esclusivamente da qualcun altro che non siamo noi stessi ci esponiamo a situazioni di disequilibrio energetico aurico e fisico. dobbiamo riappropriarci di noi stessi comprendere che il centro della nostra felicità siamo noi e che quando svolgiamo e viviamo seguendo i nostri sogni e facciamo emergere la nostra vera essenza qualunque essa sia nulla ci potrà togliere la dignità e la serenità. Un rapporto d' amore sano ci può far crescere e stimolare ed espandere la nostra energia a livelli inimmaginabili ma solo se il nostro asset è dritto e va dal basso verso l alto non obliquamente. 

Terzo indispensabile scoglio da superare è la paura. una delle più grandi resistenze su questo piano dimensionale è proprio la paura che ci blocca e attanaglia sotto molte forme. la paura blocca le relazioni blocca le fine delle relazioni blocca la creatività blocca il potenziale di nuovi scenari meravigliosi. la paura ci crea una corazza attorno che noi pensiamo sia positiva e che ci possa proteggere il cuore da possibili rotture dolorosissime o da fallimenti invece non ci rendiamo conto che ci stiamo imprigionando in una vita si al riparo da possibili sofferenze, che comunque sono sempre gradini per la crescita, ma che ci stiamo perdendo tutta la gioia e la felicità e l appagamento di una vita e di un cammino in cui lanciarsi oltre l ostacolo può farci sentire bene come mai potremmo anche solo immaginare restando corazzati. amare oltremisura un altra anima senza mai perdere di vista la cura della nostra anima amare un progetto di lavoro e provare a realizzarlo nonostante qualsiasi avversità e prova, amare noi stessi e comprendere cio' che veramente vogliamo diventare e possiamo diventare.

Vivere tagliando i rami secchi sciogliendo le dipendenze e vincendo la paura potrà permetterci mai come quest' anno di creare qualcosa di nuovo.

E allora lanciamoci in avanti e creiamo a tutti i livelli, mettiamoci la faccia la pelle l anima condividiamo l energia l amore la passione l unità creiamo con l arte con la connessione con il tutto creiamo un nuovo modo di cooperare di lavorare di credere di amare espandiamo tutto il nostro potenziale e doniamolo a noi stessi e al mondo. creiamo nuovi scenari nuove città nuove interazioni nuovi lavori nuovi quadri musiche e tutto cio' che sentiamo di poter esprimere col cuore aperto mostriamo alle altre anime un nuovo modo di poter vivere che non sia solo odio distruzione disunità paura povertà e fallimento.

Cavalchiamo l' onda del 2018 come mai abbiamo fatto e se mai dovessimo affogare almeno lo avremo fatto vivendo al massimo delle nostre possibilità anzi spingendoci oltre. E anche se dovessimo affogare potremo sempre farlo dicendo caspita che volo ne è valsa comunque la pena. ma il vincere la paura e lanciarsi è già una vittoria per la nostra anima

torniamo a casa senza rimpianti e con tanti ricordi meravigliosi

con amore e forza

Karmo


Rss_feed